Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti da questo sito e per ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookie del sito web di partecipareilpresente.it. Per maggiori informazioni sui cookie e come disattivarli clicca qui
ACLI Treviso
Associazione Comuni della Marca Trevigiana
CGIL Treviso
CISL Treviso
CNA Treviso
Confcooperative – Unione Interprovinciale di Belluno e Treviso
Confartigianato Marca Trevigiana
Confesercenti Treviso
Coordinamento Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso
EBiCom - Ente Bilaterale del Terziario e Turismo
Federazione provinciale Coldiretti Treviso
Federmanager Treviso Belluno
Forum Associazioni Familiari della provincia di Treviso
Manageritalia Veneto
Pastorale Sociale e del Lavoro - Diocesi di Treviso
UCID Treviso - Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti
Unascom Confcommercio Treviso
UNINDUSTRIA Treviso
Il materiale digitale, reso disponibile, è liberamente scaricabile all'interno di ciascun corso


ANNO 2018

Anno 2017 - Il lavoro che serve e che c`è grazie

2016 - ATTRAVERSARE IL DESERTO

2015 - OLTRE LA PAURA

2015 - CITTADINANZA E TERRITORIO

2014 - L`Europa dei popoli

2013 - L`economia civile

2012 - Valori in corso

2011 - Valori in corso

2010 - POLITICA, PARTECIPAZIONE, CITTADINANZA

2010 - ETICA, SVILUPPO, SOLIDARIETA` ED ECONOMIA

2010 - ECONOMIA, LAVORO, SOCIETA`
2011 - Valori in corso
Il paradosso delle beatitudini ai giorni nostri. La via mite alla partecipazione politica.
05 ott 2011

Nel corso di quest`anno si sono accelerati di molto (forse sono solo più evidenti) i meccanismi di distorsione non solo del mondo economico, ma anche di quello politico.

Per molti l`illusione del benessere illimitato è improvvisamente caduta e con essa molte speranze di felicità.

Anche il nostro territorio, come buona parte del nostro Paese e degli Stati ricchi, sta conoscendo difficoltà fino a ieri impensabili: la mancanza di lavoro, i continui arrivi di disperati dal Sud e dall`Est del mondo, la fuga all`estero di molti giovani, la mancanza di istituzioni su cui porre una concreta fiducia. Dopo una lunga stagione di stabilità molte certezze stanno saltando.

Il programma di formazione alla partecipazione politica "Valori in corso" prevede, per il 2011, l`apertura del secondo ciclo con una lettura delle "Beatitudini", in particolare con la beatitudine della mitezza: "Beati i miti perché erediteranno la terra".

È un momento di sosta.

Rappresenta una contrapposizione chiara al modo di vivere la terra, il potere, la propria coerenza e testimonianza rispetto a ciò in cui si crede, rispetto a quanto noi tutti, in maniera più o meno cosciente, abbiamo inseguito in questi anni.

I fallimenti continui in cui il nostro modo di vivere si imbatte, giorno dopo giorno, rivelano la necessità di ripensare e ripensarci di fronte al mondo, agli altri e a noi stessi, di ripensare quindi la nostra "partecipazione politica" in modo nuovo.

E sarà importante che questo momento di riflessione avvenga tra soggetti del mondo economico diversi fra loro, tra questi soggetti e chi lavora nell`ambito del volontariato e della solidarietà, tra laici e credenti. Almeno per il semplice fatto che questo nostro mondo è uno solo e nessuno se ne può costruire uno a parte.

La proposta forte di Gesù Cristo nei Vangeli di Luca e Matteo, con particolare riferimento alla mitezza, sarà letta da Enzo Bianchi, monaco e priore della comunità di Bose, come una proposta di felicità.

 

luogo: Mercoledì 5 ottobre 2011 Ore 20:45 Auditorium San Pio X - Viale D`Alviano, Treviso.

Relatore
Enzo Bianchi

Enzo Bianchi è un religioso e scrittore italiano, fondatore e attuale priore della Comunità monastica di Bose. 

Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell`Università di Torino, alla fine del 1965 si è recato a Bose, una frazione abbandonata del Comune di Magnano sulla Serra di Ivrea, con l`intenzione di dare inizio a una comunità monastica. Raggiunto nel 1968 dai primi fratelli e sorelle, ha scritto la regola della comunità. È a tutt`oggi priore della comunità la quale conta un`ottantina di membri tra fratelli e sorelle di cinque diverse nazionalità.